Acquisto pianoforte nuovo oppure usato? - Didattica Pianistica ed Educazione al Suono

Cappelli Antonietta
Il Pianoforte
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Donec commodo sapien et dapibus consequat.
Phasellus a sagittis massa. Suspendisse potenti. Duis non arcu venenatis, auctor ante facilisis, cursus ex.
antonietta cappelli
play on the net
FOLLOW
FOLLOW
Vai ai contenuti

Acquisto pianoforte nuovo oppure usato?

Il Pianoforte



L'acquisto di un pianoforte è sempre un "impegno". La prima domanda è: "Nuovo o usato?"


1. Non guardate l'estetica del mobile ma la meccanica interna e il suono. Non sempre i mobili più belli danno garanzia sulla qualità dello strumento, anzi! i produttori più disonesti puntano proprio su questo aspetto.

2. Quando si acquista un pianoforte usato, sarebbe meglio chiedere un parere ad un esperto.

Parametri essenziali da annotare e confrontare:
Marca,
Numero di matricola,
Stato delle corde e per i pf a muro (o verticali) la forma del telaio (corde parallele o incrociate),
Condizioni del mobile,
Accordatura,
Dimensioni,
Garanzia e prezzo.


  • Troppa rugine sulla cordiera ci dice che il pianoforte è vecchio. Se la ruggine è tanta, le corde perdono la regolare elasticità.
  • L'accordatura indica le condizioni delle caviglie e quanta cura ne ha avuto il proprietario.
  • La forma del telaio ci dà informazioni sul periodo storico a cui appartiene il pianoforte: quelli a corde parallele sono molto vecchi, quelli a corde incrociate sono più recenti.
  • La meccanica non dev'essere sporca, i martelletti devono essere regolari, i feltri e gli smorzatori devono essere perfetti.
  • Il telaio non deve avere crepe e la tavola armonica fessure.
  • I pianoforti più vecchi hanno la tastiera ingiallita perchè i tasti erano in avorio, oggi si usa un materiale più economico che si chiama avorite .
  • I tasti devono essere perfettamente allineati.

     Suonate tutti i tasti. Si sentono vibrazioni o rumori? qualche tasto rimane giù?
     Suonate una scala cromatica che vada dalla nota più bassa a quella più acuta. Suonate un brano lento,
     sentirete meglio i difetti.
    Suonate i ribattuti, le note si sentono tutte?

Le domande poste sopra possono risolversi in semplici interventi e pochi soldi oppure possono nascondere difetti gravi.





Una volta acquistato il pianoforte bisogna far attenzione a dove posizionarlo. Tenere bene a mente le variazioni di temperatura e umidità: posizionate il pianoforte nel luogo in cui ci passereste delle ore senza avvertire fastidi.
Si deve evitare di posizionare lo strumento vicino a fonti di calore o vicino a finestre.

Tenere conto dell'acustica: un pianoforte a muro deve essere posizionato a circa 30 cm di distanza da una parete (meglio interna); quello a coda deve essere posizionato im modo tale che il coperchio aperto non sia rivolto verso un muro! c'è chi addiruttura è riuscito a posizionare un pianoforte sul palcoscenico rivolto verso l'interno: il pianista dà le spalle al pubblico e il suono si dirige in senso opposto...


Quando il pianoforte è stato posizionato, si procede all'accordatura e all'intonazione dei martelli (non prima). Non ve ne dimenticate!


MANUTENZIONE ORDINARIA

Gli interventi di manutenzione sono tre: accordatura, regolazione della meccanica e intonazione.

ACCORDATURA
Una volta l'anno è il minimo che si raccomanda. Se il pianoforte è usato tanto, si arriva ad accordarlo due o tre volte l'anno.

REGOLAZIONE DELLA MECCANICA (Movimento dei cavalletti, allineamento dei tasti, scorrevolezza dei perni, ritorno degli smorzatori,rumori ingiustificati...)

Dev'essere fatta ogni due o tre anni: le parti in movimento si usurano, le parti in feltro si deformano, i perni possono allentarsi... tutti fattori che rendono la vita del pianista difficile.

INTONAZIONE DEI MARTELLI
Deve essere eseguita ogni due o tre anni.
Qui sotto è raffigurato l'intonatore. Con gli aghi, punge i martelli modificandone il suono a piacere del pianista.








AC
Lorem Ipsum
Dolor sit amet, 12
12345 Consectetur
(Adipiscing)
Torna ai contenuti