Metodo per bambini - Il Pianoforte

La musica può cambiare il mondo (L. V. Beethoven)
Vai ai contenuti

Menu principale:

Metodo per bambini

Biografia




                                        

se ti interessa ricevere il libro puoi cliccare qui

Libro in formato PDF


versione italiana
                 

 english version







Un libro nato dall'esperienza diretta con bambini piccolissimi. Adatto per lezioni individuali e di gruppo.

Molti pensano che i bambini non si divertano a suonare uno strumento musicale, non è così! presentato nel modo giusto diventa un vero e proprio gioco.

Nelle poche pagine del libro, ci sono solo una minima parte delle attività che si possono proporre che andaranno rafforzate e integrate con altro materiale. E' importante che si stimoli la memoria del bambino (molto corta nei primi anni di vita).
I bambini piccolissimi (2 oppure 3 anni) non hanno la motricità fine sviluppata: così come hanno imparato a camminare, allo stesso modo impareranno a muovere un dito per volta.
Come giochi delle dita:
- Suonare tutti i tasti (neri e bianchi) del pianoforte con il pollice, poi con l'indice, col medio...
- Suonare due dita per volta, non trascurando nessuna combinazione. Poi tre dita, quattro e cinque
- Da fare anche sul tavolo e come gioco giornaliero a casa.

Questo lavoro si faccia a mani separate.

Non si abbia fretta di iniziare subito a presentare le note e una volta presentate non vi scoraggiate se non riescono subito a riconoscerle. Oltre all'aspetto visivo le note vanno "memorizzate" una per volta e pian piano a gruppi, sino ad arrivare ad una frase musicale.
Durante i primi mesi di lezione (se il bambino non ha frequentato un corso di propedeutica musicale), suonate per il bambino e cercare di stimolare la sua curiosità.
Fate sperimentare lo strumento e se non vuole suonare quello che gli proponete, non obbligatelo ma cercate di portarlo sulla strada che volete, raggirando l'ostacolo: con una favola oppure proponendo un gioco "suono prima io (insegnante) e tu rispondi" oppure dicendo la classica frase: "per me non ci riesci..."
Non vi scoraggiate se i risultati non si vedono subito. Insistete! dopo qualche mese si avranno  molte soddisfazioni.

Si punti tanto sulla posizione delle mani e il ritmo: ogni nota deve avere la giusta durata.

Il libro che presento è un'idea del percorso che si può strutturare per la propedeutica. Non vuole tracciare un percorso schematico perchè si può iniziare anche dall'ultima pagina per arrivare alla prima... dev'essere libero, giocoso!
Posso assicurare che i miei bambini si divertono tantissimo e quando escono dalla scuola dell'infanzia molti di loro continuano a studiare, alcuni di loro sono in Conservatorio.

Se deciderete di acquistare questo percorso "a specchio" non esitate a farmi domande e a chiedere chiarimenti. Sono a vostra disposizione.
Avrei voluto scrivere tante cose ma è impossibile mettere sulla carta un metodo per intero. Io stessa cambio metodo con ogni allievo...


Buon lavoro!

Torna ai contenuti | Torna al menu