L'inizio dello studio del pianoforte - Didattica Pianistica

Cappelli Antonietta
Il Pianoforte
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Donec commodo sapien et dapibus consequat.
Phasellus a sagittis massa. Suspendisse potenti. Duis non arcu venenatis, auctor ante facilisis, cursus ex.
FOLLOW
FOLLOW
Vai ai contenuti

L'inizio dello studio del pianoforte

Didattica

"Principiante" è colui che è agli inizi dell’apprendimento di una tecnica artistica o di un mestiere o di qualsiasi altro genere di lavoro...
Da considerarsi principiante è un allievo che studia da un anno di studio... ma può durare anche due o tre anni a seconda delle capacità artistiche.
Nel previgente ordinamento dei Conservatori, il primo anno di studio di uno strumento era chiamato "PREPARATORIO", cioè in preparazione di un percorso di apprendimento lungo e faticoso.

Il primo anno di studio è quello più delicato perchè pone le basi per l'intero percorso di studi. Che cosa si fa?
Sicuramente si presenterà il pentagramma, note e pause con relative durate...

E' giusto partire subito dalla teoria?


Prima di iniziare lo studio vero e proprio, il principiante dovrebbe imparare a familiarizzare con i suoni e lo strumento. Ascolto passivo, lavoro sul ritmo, semplici melodie da suonare con un dito per volta, movimenti di abduzione e adduzione di braccia e polsi, semplici esercizi di impostazione della mano e del movimento di articolazione delle dita, osservazione attenta di quello che fa l'insegnante...
La teoria va assimilata di paripasso alla pratica. Molto bene si presta il primo volume del "Metodo russo" (non la versione italiana), quello originale (completo e graduale) oppure per i più piccoli (dai 4 anni) il metodo russo (diviso in volumi) dell'edizione Lemoine.
Sin da subito si presti attenzione al tocco e all'assimilazione dei movimenti corretti, nonchè della postura (importantissima per il rilassamento muscolare).

L'insegnante ha un ruolo importantissimo nella fase iniziale e da lui dipenderà anche il coinvolgimento dell'allievo. Le lezioni devono essere ricche e varie. Ritmica, lettura delle note, ascolto, tecnica..... devono essere un tutt'uno. Lo studio dei brani dev'essere fatto a 360° in modo tale che l'allievo capisca che il solfeggio, il canto e la storia, l'analisi e l'armonia non sono distaccate dallo studio tecnico del brano.







AC
Lorem Ipsum
Dolor sit amet, 12
12345 Consectetur
(Adipiscing)
bimbo
Torna ai contenuti