Studiare senza sforzo - Didattica Pianistica ed Educazione al Suono

Cappelli Antonietta
Il Pianoforte
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Donec commodo sapien et dapibus consequat.
Phasellus a sagittis massa. Suspendisse potenti. Duis non arcu venenatis, auctor ante facilisis, cursus ex.
antonietta cappelli
play on the net
FOLLOW
FOLLOW
Vai ai contenuti

Studiare senza sforzo

Biografia


Le domande più usuali di alunni e genitori sono:
  1. Quanto tempo dedicare allo studio dello strumento?
  2. Come devo studiare?
  3. Che cosa devo fare?


Un buon metodo di studio è la chiave di questo argomento: organizzazione del lavoro e ottimizzazione del tempo a disposizione.
Un principiante non dovrebbe superare un'ora al giorno. Andando avanti con gli studi dovrà dedicare almeno 2 ore al giorno per l'esercizio allo strumento che poi diventeranno 3, 4, 5... a seconda dei livelli. Importante è che dopo ogni ora che si rimane seduti ci si alzi per fare una passeggiata in giardino oppure degli esercizi per sgranchire gambe e braccia.
L'esercizio che consiglio è quello di giocare con una pallina da tennis (non con la racchetta): lancio in alto (sempre più in alto)- lancia la destra e prende la sinistra e poi inverto; lancia la destra e prende la sinistra all'indietro e poi inverto;....... si può giocare anche in due oppure tre e variare gli esercizi.
Dopo una ventina di minuti di svago si ritorna a studiare e all'ora giusta, una sana merenda!

Molti studenti non studiano, perchè? una volta seduti al pianoforte non sanno cosa fare! Compito dell'insegnante è quello di aiutarlo a capire come procedere. Io dico sempre: durante i giorni di studio si deve ripetere il lavoro fatto a lezione con l'insegnante (un bel quaderno con appunti può aiutare a ricordare meglio) e sistemare quanto richiesto.



Alcuni consigli per lo studio:
Quando si inizia lo studio un brano la prima cosa da fare è quello di osservarlo, guardarlo attentamente.
Sullo spartito c'è scritto tutto! (lo studio del solfeggio serve proprio a capire la grammatica musicale...)
Per prima cosa guardiamo l'armatura di chiave, il tempo in cui è scritto poi proseguiamo col guardare note, legature, dinamiche, eventuali staccati, accenti.... dobbiamo guardare tutto!!!
Finita la fase di osservazione, possiamo provare a suonare il brano a prima vista. Iniziamo a studiarlo: non dall'inizio alla fine ma per frasi. Dividere un brano per frasi è già un gran lavoro. Studiamo a mani separate, tenendo cura di fissare attentamente la diteggiatura, lentamente e poi più veloce. Quando la frase è pronta a mani separate, si uniscono le mani e si va avanti così fino alla fine. Si dia molta importanza all'armonia, aiuta molto a capire quello che stiamo studiando.
Imparare a studiare così favorisce l'esecuzione a memoria.  
Se un passaggio è più difficile e si sbaglia continuamente, capire qual è l'errore è importante. Gli errori più comuni sono: diteggiatura, movimento/i sbagliato/i, cattiva impostazione della mano oppure paura di quel passaggio (vale a dire: non ho capito!).
Un consiglio che posso dare per risolvere i passaggi difficili è di eseguirli a piccoli passi: 2 o al massimo 3 note per volta a velocità stabilita, controllare i movimenti, la diteggiatura e respirare.
A tutto c'è rimedio, l'importante è capire dove si sbaglia e perchè.
Se l'allievo non riesce a capirlo da solo, il Maestro lo aiuterà.








AC
Lorem Ipsum
Dolor sit amet, 12
12345 Consectetur
(Adipiscing)
Torna ai contenuti