La Didattica pianistica e L'educazione Musicale - Didattica Pianistica ed Educazione al Suono

Vai ai contenuti

Insegnare Pianoforte

Didattica Pianistica ed Educazione al Suono

"Insegnare": parola non scontata e che se analizzata risulta essere molto profonda.  dal latino "insĭgnare": imprimere segni (nella mente). da "signum" + il prefisso "in-".

L'insegnante ha il compito di spiegare, anche con esempi pratici, gli elementi che vuole trasmette in modo tale che l'allievo apprenda conoscenza e acquisisca capacità.
Come?
Tutti i didatti sanno che non è facile rispondere a questa domanda. Non esiste un scaletta uguale per tutti. Le lezioni di gruppo sono più generali perchè rivolte ad una classe oppure a un gruppo ristretto mentre le lezioni frontali devono tener conto delle capacità/peculiarità di chi abbiamo di fronte.

L'immagine dell'Insegnante è di "eloquentia" e guida. Mi soffermo sulla parola "guida".
Genitori e alunni si attendono di essere guidati nel percorso. Esso dev'essere chiaro e alla portata di chi abbiamo di fronte. Ci tengo anche a dire che ci sono dei passaggi obbligati che prescindono da qualsiasi "scuola" o pensiero. Per capire: quando impariamo a leggere o a scrivere non possimo ignorare l'alfabeto e come legare le lettere per ottenere le parole e via via frasi sempre più articolate. Studiamo la grammatica e ne facciamo uso quotidianamente. Anche il musicista dovrà partire dagli elementi base e pian piano aumentare le difficoltà.
Molto spesso mi è capitato di seguire bambini e ragazzi che suonavano da 5-6 anni ma che oltre a suonare le note (......leggere a mala pena lo spartito), con ritmo inesistente, non facevano altro. Allora mi chiedo? l'insegnante che ha seguito la preparazione è senza orecchie?
L'insegnante di pianoforte, in generale di qualsiasi strumento, ha il dovere di analizzare e spiegare ogni brano proposto all'allievo. Non si può prescindere dal solfeggio, dalla teoria oppure dall'armonia! Lo studio delle scale, degli accordi e degli arpeggi sono imprescindibili perchè spiegano il nostro sistema musicale. Come può un alunno imparare a studiare uno spartito se questo non diventa "una mappa" su cui orientarsi?
Spiegazioni chiare e dettagliate, precisione e insistenza, metodo e ordine! questi gli elementi che rendono indipendenti i nostri alunni nello studio a casa.







Nessun commento

Torna ai contenuti